4 Maggio Star Wars Day – i modellini fai da te più belli mai creati

star-wars-modellismo

Quando si ama così tanto una saga cinematografica come i fans di Star Wars, c’è davvero bisogno di un giorno speciale.
È così che ogni anno migliaia di appassionati il 4 Maggio riescono ad incontrarsi, anche virtualmente, a scambiarsi opinioni ma soprattutto ad ammirare l’impegno che in molti mettono nella creazione di modellini fai da te, fedelissimi alla saga. Tutto è iniziato a Toronto, in Canada, nel 2011 con il primo raduno ufficiale e da quel momento il 4 maggio è una data che forse anche tu hai segnato sul calendario.

Ma perché proprio il 4 maggio? Se ami Star Wars, “che la forza sia con te” è una delle tue frasi preferite.
In inglese, questa frase si presta ad un simpatico gioco di parole che richiama il mese di Maggio e il numero 4.
Sembra proprio che i fan della saga abbiano scelto un modo estroso per fissare il loro giorno speciale, perché interpreta in maniera creativa e divertente la frase più simbolica dell’intera serie.

Siamo nel 1977 quando George Lucas inizia a raccontare una storia che oggi si compone non solo di tanti film e merchandising, ma che per molti appassionati di modellismo è diventata una passione creativa inesauribile.
È proprio a loro che si rivolgono le colle e gli adesivi Collagraf, una ricca gamma di prodotti che aiuta i creativi a costruire le loro opere d’arte.

Ma quali sono i modellini fai da te più belli costruiti dai fans di Star Wars e quali sono le colle più adatte alla loro realizzazione?

Pezzi unici in mostra

Dal giorno dell’istituzione ufficiale dello Star Wars Day, moltissime mostre ed esposizioni in tutto il mondo hanno celebrato non solo gli aspetti più iconici della saga ma anche la bravura degli appassionati di modellismo statico.

Ai tanti pezzi unici esposti in Italia, a Milano nel 2014 e a Treviso nel 2016, si aggiungono quelli di Genova e di Volandia, dove i veri protagonisti sono stati le navicelle, i mezzi, le legioni ma anche le ricostruzioni in scala di scene e set dei film.

Molti tra questi modellini fanno parte di collezioni private e sono nati dall’impegno di chi ha fatto della propria passione un hobby strutturato.
Se parliamo di navi della “Flotta Ribelle”, sono stati costruiti addirittura i cantieri e i modellini dei prototipi realizzati da razze aliene.

Del resto, solo dall’unione di intelligenza e di talenti si può mettere in atto un’efficace alleanza ribelle.
La maggior parte di questi modellini sono curati nei minimi particolari e necessitano di un incollaggio adeguato per il materiale usato, generalmente legno, plastica, metallo o anche carta.

Fantasia e creatività rischiano di deludere l’hobbista se non sono supportate da un’ottima tenuta dei pezzi incollati.
Per questo tipo di modellini e per le fedeli riproduzioni di scene cinematografiche, come il combattimento tratto dal film “Episodio 1 – la minaccia fantasma” e l’addio a Luke nel duello finale tra lo Skywalker e Kylo Ren, sono adatti i prodotti pensati per il fai da te e per l’oggettistica.

In particolare, l’autoadesivo “Pressure Sensitive” si distingue per il rapido tempo di attesa e per la capacità di reagire bene anche in condizione di improvvisa variazione della temperatura.
Questo tipo di colla non teme il caldo e il freddo, infatti viene utilizzata per incollare anche mobili e materassi.
Se la scena di Star Wars che hai deciso di creare è molto grande e con tante parti in plastica, questa è la scelta giusta.

Sfidiamo l’Impero su una Flotta Ribelle

Tentare di sconfiggere l’Impero Galattico, è forse l’impresa più impegnativa dell’intera storia del cinema: mai come in Star Wars l’alleanza di eroi coinvolge anche chi come te sogna di volare su queste astronavi.

Del resto, il “Millennium Falcon” e lo “Spettro” sono diventati modellini statici sensazionali che hanno impegnato decide di ore di lavorazione.
Tra queste navi galattiche, autentici caccia stellari, il modellino più simbolico è quello del “Caccia Ala-X”, forse perché era destinato all’Impero.

Tra i piloti di questa nave alcuni hanno segnato la storia dell’intera saga e della guerra civile galattica, come lo stesso Skywalker.
Come fan di Star Wars avrai certamente notato il recente ritorno di questa iconica nave nella serie tv “The Mandalorian”.
Tra i modellini fai da te ci sono anche “Ala-Y” e “Ala-A”.

Il primo è piuttosto massiccio rispetto ad “Ala-X” che ha uno scafo molto più snello.
“Trasporto Ribelle” e “Outrider” sono anche questi modellini piuttosto famosi, anche in relazione alla somiglianza del primo con il più celebre Falcon.
Dal punto di vista del modellismo, il “Trasporto Ribelle” è davvero interessante, per la sua forma a cetaceo che gli ha valso il nome di “balenottero”.

Anche il “Nebulon-B” è notevole per la sua struttura inconfondibile ma facilmente attaccabile, tanto che alla fine la nave fu abbandonata dall’Impero che si concentrò su modelli più efficaci come gli “Star Destroyer”.

Per realizzare anche tu questi modellini puoi utilizzare i kit da assemblare già pronti per essere incollati oppure occuparti della scelta dei materiali per creare qualcosa di unico.

Collagraf non ti lascia solo e per le tue Flotte Ribelli puoi contare su “Hot melt a base metallocene” e “Hot melt a base eva + Pressure sensitive”.
Quest’ultima ha un tempo di incollaggio che si calcola in termini di secondi e soprattutto permette di incollare superfici difficili.

La “hot melt”, ovvero la colla termofusibile, viene utilizzata negli ambiti più diversi e se la tua astronave sarà in legno, metallo o plastica, potrai usufruire dei pratici stick.

Il Millennium Falcon

Una caratteristica importante della colla “Hot melt a base metallocene” è l’utilizzo senza problemi in presenza di superfici in plastica o verniciate.
I modellini di questa mitica astronave si sono distinti spesso proprio per l’utilizzo di magnifici rivestimenti. Dai lontani anni ’70, la Millennium è la nave più fornita e veloce della Galassia.

Lo scafo sui modellini si presta ad un grande impegno da parte dell’hobbista, perché è davvero molto dettagliato. Questo mercantile corelliano YT-1300 è il simbolo di Star Wars e realizzare questo modellino permette di seguirne l’evoluzione e i cambiamenti strutturali che ha vissuto nei vari film.

Ha davvero cambiato sia aspetto che ruolo dopo gli eventi del Maelstrom oppure quando è passato sotto la direzione di Han e Chewbecca.
Dal punto di vista tecnico, è un modellino imponente, scenografico, ricco di particolari e che ha saputo percorrere la rotta di Kessel in meno di 12 parsec.

Per l’incollaggio delle sue parti, sia che tu decida di procurarti un kit già pronto o che voglia realizzare da solo tutti gli elementi, avrai bisogno di una soluzione pratica e affidabile.
Vanno sicuramente bene le colle “hot melt”, in particolare “Hot melt base eva” e “Hot melt poliammidici”.

Queste ultime presentano tanti aspetti vantaggiosi, come la comodità nel trasporto ma soprattutto non ci sono tempi di essiccazione perché l’effetto di indurimento è istantaneo.
La resistenza meccanica è assicurata così come la difesa del tuo lavoro dai cambiamenti termici.

Una volta ultimato potrai portare il tuo modellino in esposizioni e mostre, senza temere che gli sbalzi di temperatura possano danneggiarlo.

Personaggi da costruire e collezionare

La principessa Leila, i pirati, Luke, Darth Vader: sono alcuni tra i personaggi di Star Wars che sono stati realizzati sottoforma di modellini e che in alcuni casi sono diventate autentiche opere d’arte.
Alcuni tra questi, come R2-D2 e C-3PO sono sul mercato del modellismo in kit da montare. Si tratta di modelli in metallo 3D, come quello di Boba Fett e alcuni riproducono i personaggi in specifiche scene o momenti della saga.

In equilibrio tra gioco e cultura pop, vintage e nostalgia, i modellini di personaggi riescono ad interessare le fasce d’età più diverse e sono coinvolgenti anche perché facilmente collezionabili.
Per incollare le parti di questi modellini, Collagraf propone una scelta sicura e in particolare gli adesivi “a base eva” sono tra le colle più utilizzate per fai da te e hobbistica. Questi modellini hanno spesso parti in tessuto, come la principessa Leila che viene rappresentata con i caratteristici abiti di scena di ispirazione orientale.

Per incollare i tessuti, gli adesivi “Hot melt a base eva” sono specifici tanto che vengono ampiamente utilizzati anche su calzature e componenti per gli interni di automobili.

I modellini in cartone

Nel mondo dei fai da te, il cartone è molto utilizzato perché economico ed ecologico.
Con materiale di riciclo autentici maestri della cartotecnica hanno creato capolavori ma non solo: potrai realizzare anche tu il “Millennium Falcon” o il “Corvetta Corelliana” in cartone perché in rete sono facilmente reperibili modelli e tutorial per molte tra queste navi spaziali.

I personaggi come Jabba the Hutt, Grogu ma anche il simpatico Chewbe, si possono fare con semplici rotoli vuoti di carta assorbente.
Anche i modellini pop-up in carta sono spesso scelti dagli appassionati dello Star Wars Day modellismo e alcuni hanno realizzato veri e propri libri che raccontano in maniera animata la storia della saga.

Per non parlare dei costumi di carnevale, anche questi realizzati in cartone o cartapesta.
Quando si parla di cartotecnica non c’è davvero limite alla fantasia, ma avere a disposizione una buona colla è essenziale.

Gli “Autoadesivi Pressure Sensitive” sono specifici per questo tipo di utilizzo anche se sottoposti a condizioni di stress.
Non hanno bisogno di essere attivati e si distinguono per la rapidità di incollaggio.

Insomma cosa aspetti? inizia a costruire il tuo modellino di “Guerre Stellari” e se hai bisogno di adesivi o colle adeguate, contattaci!