Colle per carta plastificata quali caratteristiche devono avere?

colle-per-carta-plastificata

Il mondo del “fai da te” è esteso e ricco di offerte sia in ambiti di materiali sui quali eseguire i propri lavori, sia in ambiti di tecniche attraverso le quali puoi esaltare la tua fantasia e creatività.
Per diletto o per necessità, il bricolage oggi offre una serie importante di prodotti, un piccolo, immenso, sottobosco nel quale è facile perdersi così come, allo stesso tempo, è difficile orientarsi nella giusta direzione.

Per quale motivo?
Perché ogni materiale ha le sue peculiarità, di conseguenza esigenze specifiche da non sottovalutare, pena il fallimento di tutto il lavoro, o la non perfetta riuscita.
Uno dei materiali principi, nel vasto mondo del “fai da te” è la colla, l’adesivo attraverso il quale si possono unire materiali diversi e qui dovrai focalizzare la tua attenzione.

Materiali diversi significa considerazioni diverse da porgersi prima di iniziare un’attività: oggi parleremo di colle per carta plastificata, ma è necessario introdurre l’argomento colla in generale per capire quali siano le considerazioni specifiche in questo ambito nei quali si determinano scelte a volte sbagliate.

Nelle prossime righe vogliamo aiutarti a compiere le scelte giuste, darti i mezzi per approfondire una parte del vasto argomento, non solo dal punto di vista commerciale, ma, nello specifico, dal punto di vista intrinseco dei materiali e delle esigenze richieste.
Tra gli adesivi, o colle, più utilizzati in ambito fai da te, la colla a caldo, così come i mastici, sono protagonisti assoluti per unire definitivamente, o quasi in alcuni ambiti, un grandissimo numero di materiali.

Qual è la grande differenza tra i due adesivi?

Per quanto si possano utilizzare per un grandissimo numero di superfici e materiali, il mastice, che è un adesivo di contatto, offre il vantaggio di essere praticamente indivisibile, una volta seccato, di offrire una grande facilità di utilizzo, ma, proprio per la sua tenacia finale, se deciderai di considerarlo tra le tipologie di colle per carta plastificata, ricorda che la sua caratteristica principale è proprio inquadrabile nella difficoltà estrema di dividere i materiali a lavoro terminato.

Quindi, se il tuo caso prevede imballaggi o buste, ricorda che non sarà successivamente di facile apertura il prodotto che verrà definitivamente compromesso perché richiede il taglio con cutter o forbici.

Se consideriamo il mastice perfetto per materiali come legno su legno, oppure cuoio, gommapiuma, gomma in generale (il mastice è l’adesivo in assoluto più utilizzato per la perfetta saldatura di ‘toppe’ di camera d’aria nelle riparazioni di biciclette o scooter), considerarlo ideale tra le colle per carta plastificata, sicuramente da ottimi risultati in termine di adesione dei materiali, con i considerando che ora puoi focalizzare.

Meglio quindi la colla a caldo?

La colla “cianoacrilica” sicuramente consente di ottenere un risultato finale perfetto, una colla ad alto potere adesivo con la particolarità di essere potente e veloce nell’asciugatura.

Le plastiche maggiormente utilizzate come film ricoprente di carta sono solitamente polimeri complessi o poli-vinilcloruri della stessa famiglia dei vinili, dei film plastici utilizzati in tantissimi settori della vita domestica e industriale.
Non occorre quindi avere una conoscenza profonda della tipologia di plastica, meglio cercare quindi il prodotto idoneo.

Innanzitutto discriminate a priori collanti colorati: solitamente in ambiti di utilizzo di adesivi per carta plastificata si richiede la neutralità della colla, quindi vi occorre un collante trasparente, al massimo dal blando colore giallo, un colore che può avere più giustificazioni durante l’utilizzo ma con limiti evidenti.
Stiamo parlando di colle per carta plastificata: abbiamo considerato ottime colle sia i mastici che le colle cianoacriliche ma non soddisfano in pieno le nostre esigenze.

Rivolgiamo quindi la nostra attenzione su una colla vinilica universale, un adesivo che ha un grandissimo range di impieghi e ben si adatta anche alla nostra esigenza di incollare carte plastificate.
La colla vinilica universale, tra l’altro, è l’adesivo più utilizzato, senza controindicazioni alcune, anche in ambiti industriali, artigianali e professionali come legatorie e cartotecniche per la sua blanda aggressività sui materiali uniti, quindi in grado di permettere un’unione pulita e semplice.

Una volta essiccata, in questo risponde perfettamente alle esigenze che abbiamo valutato in precedenza, diviene completamente invisibile, limitando al massimo eventuali imperfezioni nell’incollaggio.
La composizione chimica della colla vinilica universale è quasi sempre simile alla composizione delle plastiche utilizzate per plastificare la carta, motivo per il quale possiamo definire questo fenomeno come “affinità di materiale”, quindi rispetto delle superfici.

Tenere nel proprio laboratorio, in casa, in ufficio, un buon collante vinilico universale è comunque consigliato per diverse tipologie d’intervento: questa colla, infatti, è ottima sia per unire materiale davvero eterogenei come legno, cartone, plastica, sughero, carta da parati, truciolare, quindi un ottimo adesivo anche in materia di colle per carta plastificata.

Un capitolo a parte meriterebbe una carta plastificata intesa come carta da parati: in questo caso abbiamo superfici estese da ricoprire con esigenze relative anche alla tenuta nel tempo, la facilità di utilizzo, la possibilità di poter rimediare ad eventuali errori grazie ad un tempo di asciugatura non troppo rapido.

Parliamo anche in questo caso di colle viniliche, spesso vendute in confezioni nelle quali i componenti sono già mischiati, a volte anche in packaging nei quali la polvere dovrà essere miscelata all’acqua nelle dosi consigliate per ottenere un adesivo ideale allo scopo.

Tra le alternative più utilizzate abbiamo le colle all’etere di cellulosa o all’amido, componenti nei quali la chimica prevede l’utilizzo di componenti naturali, quindi meno tossici per l’operatore.

É ora giunta l’ora di mettersi al lavoro e, ricorda, l’esperienza e la richiesta di consigli al personale specializzato delle aziende produttrici, potrà aiutarti a compiere le scelte giuste!